Come sono cambiati gli “Oneri di sistema” dal 1 gennaio 2018.

Dal gennaio del 2018 l’autorità per l’energia (con le delibere 481/2017/R/eel e 922/2017/R/eel) ha modificato il calcolo in fattura dei costi cosiddetti “Oneri di sistema”.

Gli “Oneri di sistema” sono una componente rilevante del totale su una fattura dell’energia elettrica,  e sono costituiti da alcune componenti fisse ed altre legate al consumo dell’utente.

La riforma ha stabilito che le precedenti componenti  A2, A3, A4, A5, As, MCT, UC4 e UC7 vengano divise in due raggruppamenti: “Oneri generali relativi al sostegno delle energie rinnovabili e alla cogenerazione” (ASOS), distinti per classe di agevolazione, e “Rimanenti oneri generali” (ARIM).

Le componenti ASOS ed ARIM verranno applicate con una formula “trinomia”, come già avviene per gli oneri di distribuzione, che comprende:

  • corrispettivi fissi (€/punto di prelievo);
  • corrispettivi variabili in funzione della potenza massima assorbita o impegnata (€/kW);
  • corrispettivi variabili in base al consumo (€/kWh).

In pratica, senza andare troppo nel dettaglio, mentre fino al 2017 gli oneri di sistema erano fortemente legati ai consumi, dal 2018 è stata introdotto un nuovo costo fisso legato alla potenza e sono stati diminuiti i costi legati al consumo.

Questo si è tradotto in un aumento del costo finale della fattura per quelle utenze che a parità di consumi necessitano di una potenza maggiore e per contro, e ad una diminuzione per chi ha consumi elevati a fronte di una richiesta limitata di potenza.

Nel grafico che segue, ho simulato il costo  €/kWh  in fattura per un’utenza da 15 KW, ipotizzando un costo dell’energia monofascia di 0,060 €/kWh, per verificare come cambia all’aumentare del consumo.

 

Come si può notare, con la nuova normativa il costo €/kWh è maggiore nel 2018 con dei consumi relativamente bassi, mentre è leggermente minore rispetto al 2017 oltre una certa soglia.

Ovviamente ogni azienda ha un proprio profilo di consumo, quindi non si può dire a priori se questi cambiamenti hanno creato un aumento o una diminuzione sul costo finale dell’energia.

Se desideri una consulenza e/o sapere se vi sono margini di risparmio sulle tue fatture di energia o gas puoi  contattarmi via mail a info@retegasservice.it.

Energia: Bolletta 2.0 cosa cambia

Come ti sarai accorto, dal 2016 le fatture dell’energia sono graficamente diverse. I fornitori hanno dovuto adeguarsi alla delibera 501/2014. L’intento del legislatore è quello di rendere più chiare, snelle, trasparenti e finalmente semplici da capire. Ma è proprio così? Di fatto adesso sono stati tolti tutti i dettagli dei costi e l’unica cosa che il […]

GME – Il mercato all’ingrosso dell’energia elettrica e il gas

In questo articolo voglio spiegarti alcuni dei meccanismi che regolano il mercato elettrico in Italia. Bisogna sapere che l’energia può…